Avviso di GOD agli autentici Liberali e Democratici Francesi ed Europei (Massoni e non) per il dopo-elezioni francesi del 6 maggio 2012
Boaz Content Banner Jachin

 

Avviso di GOD agli autentici Liberali e Democratici Francesi ed Europei (Massoni e non) per il dopo-elezioni francesi del 6 maggio 2012

 

 

 

 

Questo brevissimo intervento va letto a completamento di

Grande Oriente Democratico e le Elezioni francesi all'ombra della Massoneria: Forza e Vigore, Holland! (clicca sopra per leggere)

Grande Oriente Democratico a favore di Francois Hollande e adversus Nicolas Sarkozy (clicca sopra per leggere)

Appello di Grande Oriente Democratico ai Massoni Francesi (di tutte le Comunioni), affinché nelle imminenti elezioni presidenziali votino e facciano votare contro il reazionario e conservatore Nicolas Sarkozy e a favore di Francois Hollande (clicca sopra per leggere).

Con esso, a parte ribadire l’auspicio che François Hollande possa sconfiggere il tragicamente dannoso (per la Francia e per l’Europa) Nicolas Sarkozy, si vuole mettere in guardia tutta la rete dei sinceri democratici e liberali francesi ed europei, siano essi più o meno conservatori o progressisti, ma comunque allergici a qualsivoglia deriva involutiva oligarchica del Vecchio Continente.
Attenzione.
Già il socialista Hollande ha cominciato ad ammorbidire i toni della eventuale riscossa contro il Piano suicida, recessivo e depressivo, imposto da una Tecnocrazia infame ai danni dei popoli europei.
Occorre vigilare.
Vigilare affinché non accada anche in Francia quello che è già accaduto in tempi recenti con altri esponenti sedicenti progressisti inglesi (ad es. Tony Blair) o tedeschi (ad es. Gerhardt Schröder).
Tutti nominalmente a favore di una maggiore giustizia sociale, tutti in realtà subalterni ad un paradigma politico-economico sbilanciato in senso teologico-dogmatico neoliberista, di ispirazione tecnocratica.
Un modello che, a conti fatti, finisce per rendere ininfluente l’azione di qualsiasi partito politico (di destra, centro o sinistra, sedicente progressista, moderato o conservatore), consegnando l’egemonia sulla Res Publica a forze neo-oligarchiche e sostanzialmente reazionarie rispetto all’evoluzione democratica e liberale degli ultimi secoli.

Perciò, la vera sfida comincia dopo una eventuale vittoria di Hollande.
Bisognerà stare molto attenti affinché costui e i suoi collaboratori di governo non vengano corrotti e cooptati dai neo-aristocratici che hanno già a “libro paga” personaggi sinistri ed esiziali come Angela Merkel, Herman Van Rompuy, Mario Draghi, Mario Monti, Lucas Papademos, Mariano Rajoy e moltissimi altri esponenti dell’attuale governance ufficiale dell’Europa.
Paradossalmente, Sarkozy rappresenta un pericolo noto e palese, dunque si conosce già il carattere distruttivo della sua azione di governo.
François Hollande può rappresentare una chance, ma anche essere piegato ed eterodiretto verso approdi strategici e tattici altrettanto nocivi di quelli interpretati dal suo attuale antagonista elettorale.

D’ora in poi, raccomandiamo (e ci impegniamo ad operare) vigilanza assoluta e pronta capacità d’intervento contro qualsiasi passo falso e subdolo dell’eventuale nuovo inquilino dell’Eliseo.

I FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO

[ Articolo del 6 maggio 2012 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@grandeoriente-democratico.com