Boaz Content Banner Jachin

 

Lucifero: Principe del Male o Angelo della Ribellione e dell’anticonformismo? Nemico o Amico dell’Uomo? Satana e Lucifero sono la stessa Entità? Di questo e di altre materie demonologiche si parlerà al Seminario di Sabato 14 dicembre 2019 a Roma. Aperte le iscrizioni

 

 

Ribadiamo quanto annunciato in

http://www.grandeoriente-democratico.com/Angeli-Ribelli-Lucifero-o-Satana-Seminario-sul-Diavolo-e-gli-Angeli-Caduti-a-Roma-Sabato-14-dicembre-2019-Aperte-le-iscrizioni.html

e confermiamo che  

il prossimo Seminario a Roma a cura di GOD e REU diretto dal Gran Maestro e SGCP Gioele Magaldi avrà svolgimento Sabato 14 dicembre 2019, dalle 18 alle 20 circa.

Tema del Seminario: “Angeli Ribelli. Lucifero o Satana? Seminario sul Diavolo e gli Angeli Caduti”.

Per chiedere l’iscrizione, scrivere a: seminariesotericigod@grandeoriente-democratico.com           

Questi SEMINARI, in generale, sono rivolti a lumeggiare teorie e pratiche iniziatiche, esoteriche e massoniche tanto presso i cittadini profani (ecco perché si tratta di lezioni che hanno anche un valore storico-critico, civico, politico e metapolitico, oltre che esoterologico e filosofico-sapienziale) che presso sorelle e fratelli liberi muratori e/o membri di società iniziatiche non specificamente massoniche, i quali siano in cerca di doverosi approfondimenti sulla Via di perfezionamento spirituale intrapresa.
Per chiedere l’iscrizione, scrivere a: seminariesotericigod@grandeoriente-democratico.com 

 

Chi è Lucifero? Il Principe di questo Mondo? Il Principe del Male? L’Angelo della Ribellione e dell’Anticonformismo? Una figura prometeica e amica della specie umana o un Nemico giurato della stirpe di Adamo ed Eva?
Satana e Lucifero sono la stessa Entità?
Nel Seminario di Sabato 14 dicembre 2019 si inizierà a rispondere a queste e ad altre domande altrettanto cruciali.
Per chiedere l’iscrizione, scrivere a: seminariesotericigod@grandeoriente-democratico.com  .

“Il Diavolo non è nato in una notte sola. Da Babilonia e dall’Egitto fino ad arrivare in Palestina, per individuare i profili della sua figura si è dovuto pazientare per millenni. E non senza pena. L’umanità prima ha assistito impotente all’improvvisa comparsa di demoni e mostri, un intero bestiario che risaliva dall’Abisso, poi si è vista affiancare dal serpente Leviathan o inghiottire dalla balena di Giona; in seguito ha dovuto lasciare che i venti della disgrazia si mischiassero al sangue impuro, quindi si è arrestata attonita davanti alla caduta degli angeli perversi, scesi dalle stelle sulla Terra per far proprie le lascive figlie degli uomini. Infine ha tremato al cospetto degli spettri, ‘più numerosi dei vivi’, capaci di risalire dalle loro tetre dimore per divorare chi ancora cammina sotto la luce del sole. Queste migliaia di demoni sono da subito andate alla ricerca di un capo, che tuttavia ha celato la propria identità sotto molti nomi nelle pagine della Bibbia: Satana, Belial o Asmodeo, Deber-la-Peste o ancora Azazel dal piede di capra. Ma è infine a Qumran, tra la sabbia del deserto di Giudea e le innaturali acque del Mar Morto, che questa ricerca giunge a termine. Nei manoscritti dei Figli della Luce, le Tenebre si riuniscono per la prima volta sotto la guida di un solo Principe” (citazione da un ormai classico saggio sulla figura del Diavolo…il lettore indovini di quale libro si tratti…)

“E ci fu una battaglia nel Cielo: Michele e i suoi angeli combatterono contro il dragone. Il dragone e i suoi angeli combatterono ma non vinsero, e per loro non ci fu più posto nel Cielo. Il gran dragone, il serpente antico, che è chiamato diavolo e Satana, il seduttore di tutto il mondo, fu gettato giù: fu gettato sulla terra, e con lui furono gettati anche i suoi angeli” […]
Vidi poi un angelo che scendeva dal cielo con la chiave dell’Abisso e una gran catena in mano. Afferrò il dragone, il serpente antico, e lo incatenò per mille anni; lo gettò nell’Abisso, ve lo rinchiuse e ne sigillò la porta sopra di lui” ("Apocalisse" 12, 7-9 e 20, 1-2)

A Satana

 

A te, de l'essere

Principio immenso,

Materia e spirito,

4 

Ragione e senso;

 

Mentre ne' calici

Il vin scintilla

Sí come l'anima

8 

Ne la pupilla;

 

Mentre sorridono

La terra e il sole

E si ricambiano

12 

D'amor parole,

 

E corre un fremito

D'imene arcano

Da' monti e palpita

16 

Fecondo il piano;

 

A te disfrenasi

Il verso ardito,

Te invoco, o Satana,

20 

Re del convito.

 

Via l'aspersorio

Prete, e il tuo metro!

No, prete, Satana

24 

Non torna in dietro!

 

Vedi: la ruggine

Rode a Michele

Il brando mistico,

28 

Ed il fedele

 

Spennato arcangelo

Cade nel vano.

Ghiacciato è il fulmine

32 

A Geova in mano.

 

Meteore pallide,

Pianeti spenti,

Piovono gli angeli

36 

Da i firmamenti.

 

Ne la materia

Che mai non dorme,

Re de i fenomeni,

40 

Re de le forme,

 

Sol vive Satana.

Ei tien l'impero

Nel lampo tremulo

44 

D'un occhio nero,

 

O ver che languido

Sfugga e resista,

Od acre ed umido

48 

Pròvochi, insista.

 

Brilla de' grappoli

Nel lieto sangue,

Per cui la rapida

52 

Gioia non langue,

 

Che la fuggevole

Vita ristora,

Che il dolor proroga

56 

Che amor ne incora.

 

Tu spiri, o Satana,

Nel verso mio,

Se dal sen rompemi

60 

Sfidando il dio

 

De' rei pontefici,

De' re crüenti:

E come fulmine

64 

Scuoti le menti.

 

A te, Agramainio,

Adone, Astarte,

E marmi vissero

68 

E tele e carte,

 

Quando le ioniche

Aure serene

Beò la Venere

72 

Anadiomene.

 

A te del Libano ]

Fremean le piante,

De l'alma Cipride

76 

Risorto amante:

 

A te ferveano

Le danze e i cori,

A te i virginei

80 

Candidi amori,

 

Tra le odorifere

Palme d'Idume,

Dove biancheggiano

84 

Le ciprie spume.

 

Che val se barbaro

Il nazareno

Furor de l'agapi

88 

Dal rito osceno

 

Con sacra fiaccola

I templi t'arse

E i segni argolici

92 

A terra sparse?

 

Te accolse profugo

Tra gli dèi lari

La plebe memore

96 

Ne i casolari.

 

Quindi un femineo

Sen palpitante

Empiendo, fervido

100 

Nume ed amante,

 

La strega pallida

D'eterna cura

Volgi a soccorrere

104 

L'egra natura.

 

Tu a l'occhio immobile

De l'alchimista,

Tu de l'indocile

108 

Mago a la vista,

 

Del chiostro torpido

Oltre i cancelli,

Riveli i fulgidi

112 

cieli novelli.

 

A la Tebaide

Te ne le cose

Fuggendo, il monaco

116 

Triste s'ascose.

 

O dal tuo tramite

Alma divisa,

Benigno è Satana;

120 

Ecco Eloisa.

 

In van ti maceri

Ne l'aspro sacco:

Il verso ei mormora

124 

Di Maro e Flacco

 

Tra la davidica

Nenia ed il pianto;

E, forme delfiche,

128 

A te da canto,

 

Rosee ne l'orrida

Compagnia nera,

Mena Licoride,

132 

Mena Glicera.

 

Ma d'altre imagini

D'età più bella

Talor si popola

136 

L'insonne cella.

 

Ei, da le pagine

Di Livio, ardenti

Tribuni, consoli,

140 

Turbe frementi

 

Sveglia; e fantastico

D'italo orgoglio

Te spinge, o monaco,

144 

Su 'l Campidoglio

 

E voi, che il rabido

Rogo non strusse,

Voci fatidiche,

148 

Wicleff ed Husse,

 

A l'aura il vigile

grido mandate:

S'innova il secolo

152 

Piena è l'etade.

 

E già già tremano

Mitre e corone:

Dal chiostro brontola

156 

La ribellione,

 

E pugna e prèdica

Sotto la stola

Di fra' Girolamo

160 

Savonarola.

 

Gittò la tonaca

Martin Lutero:

Gitta i tuoi vincoli,

164 

Uman pensiero,

 

E splendi e folgora

Di fiamme cinto;

Materia, inalzati:

168 

Satana ha vinto.

 

Un bello e orribile

Mostro si sferra,

Corre gli oceani,

172 

Corre la terra:

 

Corusco e fumido

Come i vulcani,

I monti supera,

176 

Divora i piani;

 

Sorvola i baratri;

Poi si nasconde

Per antri incogniti,

180 

Per vie profonde;

 

Ed esce; e indomito

Di lido in lido

Come di turbine

184 

Manda il suo grido,

 

Come di turbine

L'alito spande:

Ei passa, o popoli,

188 

Satana il grande.

 

Passa benefico

Di loco in loco

Su l'infrenabile

192 

Carro del foco.

 

Salute, o Satana,

O ribellione,

O forza vindice

196 

De la ragione!

 

Sacri a te salgano

Gl'incensi e i vóti!

Hai vinto il Geova

200 

De i sacerdoti.

( Inno a Satana, di Giosué Carducci)

 

Per chiedere l’iscrizione al Seminario di Sabato 14 dicembre 2019 su “Angeli Ribelli, Lucifero o Satana. Seminario sul Diavolo e gli Angeli Caduti”, scrivere a: seminariesotericigod@grandeoriente-democratico.com  .

 

LE SORELLE E I FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO (www.grandeoriente-democratico.com )

[ Articolo del 4 dicembre 2019 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@grandeoriente-democratico.com