Precisazioni a : “IL CANALE MASSONICO? SUL DIGITALE” by Cristina Cucciniello, per il Venerdì di Repubblica del 28 gennaio 2011
Boaz Content Banner Jachin

 

Precisazioni a : “IL CANALE MASSONICO? SUL DIGITALE” by Cristina Cucciniello, per il Venerdì di Repubblica del 28 gennaio 2011

 

 

 

 

Nel contesto rapido e sintetico delle NEWS flash riportate su il Venerdì di Repubblica del 28 gennaio 2011 (clicca sopra per leggere), l’ottima Cristina Cucciniello non poteva dire nulla di meglio e di più.
Semmai, sta a Noi di Grande Oriente Democratico apportare alcune utili precisazioni al compendioso articolo “IL CANALE MASSONICO? SUL DIGITALE” by Cristina Cucciniello , per il Venerdì di Repubblica del 28 gennaio 2011.

Dunque, precisiamo.
Di televisioni massoniche parlammo già, diversi mesi fa, in Selezione degli Sponsors per il primo canale televisivo massonico satellitare.
Poi, siamo tornati a parlarne di recente in Velina del 13 gennaio 2011: "Buon anno a tutti! Ma la Ricreazione è finita. Finita per il semi-confessionale e dis-unitario Stato italiano, per l'impudenza del Vaticano, per il cripto-secessionismo leghista, per il Fratello Silvio Berlusconi, per l'insipienza del Centro-Sinistra, per la Pseudo-Massoneria in stile Gustavo Raffi"

Ora, sulla scorta delle notizie riportate nei testi citati è stato confezionato l’utile articolo di Cristina Cucciniello.
Ma, a questo punto, offriamo qualche opportuno approfondimento.
I canali televisivi “massonici” saranno due, non uno soltanto, perché questa duplicazione favorirà meglio il progetto industriale ed editoriale che ad esso è sotteso.
I nomi di queste reti televisive potrebbero essere “Massoneria 1” e “Massoneria 2”, ma stiamo valutando anche altre denominazioni altrettanto adeguate e significative.
Essi si proporranno al pubblico sia attraverso una più elitaria piattaforma satellitare, sia per mezzo di quella piattaforma tecnica che, a partire dal 2012, sarà popolarmente diffusa tra tutti gli spettatori italiani: il digitale terrestre.

E’ vero che “Grande Oriente Democratico” è una corrente del Grande Oriente (d’Italia), la più numerosa (e importante) “fratellanza” del Paese.
Non è però esatto sostenere (e lo abbiamo spiegato più volte, sia per iscritto che mediante molteplici interviste audio e video rilasciate dal nostro leader Gioele Magaldi) che i “massoni democratici” del G.O.D. avrebbero simpatie politiche che vanno alla sinistra riformista.
Piuttosto, ribadiamo anche in questa sede che in Grande Oriente Democratico, Movimento d’opinione di Palazzo Giustiniani effettivamente- come sostiene l’ottima Cucciniello-  in aperta frattura con la gestione del gran maestro Raffi, convivono armoniosamente Fratelli che stanno a destra, nel centro o alla sinistra dello schieramento politico italiano.
Tutti, semmai, sono impegnati per una profonda Riforma delle strutture e dei fondamenti del Grande Oriente d’Italia e della Massoneria italiana e internazionale.
Tutti sono accomunati da un pesante giudizio critico rispetto alla pluriennale gestione “raffiana” del G.O.I. e rispetto alle trame massoniche segrete e irregolari che all’ombra del regime raffiano ha potuto coltivare il Fratello Massone già piduista Silvio Berlusconi, con la sua famigerata “Loggia del Dragone”, per lo più riunita ad Arcore, dal 1991 sino a tempi recenti.
Poi, com’è noto, il Fratello Gioele Magaldi (che in G.O.D. lotta insieme a Fratelli di diversi orientamenti politici, religiosi e culturali) essendo da sempre un socialista liberale/libertario di sinistra, insieme ad altri massoni e cittadini non massoni di centro-sinistra, ha recentissimamente iniziato a strutturare un altro Movimento d’opinione (non Partito, non Associazione): “Democrazia Radical Popolare” (www.democraziaradicalpopolare.it ), il cui scopo è favorire la riunificazione e il potenziamento di tutti i partiti e di tutte le forze politiche italiane che vogliano condurre il Centro-Sinistra (con la maiuscola) non solo a vincere le prossime competizioni elettorali, ma anche a governare con efficienza e lungimiranza il nostro disastrato Paese.

Quanto alla cosiddetta “Loggia G”, alla quale pure accennammo in Velina del 13 gennaio 2011: "Buon anno a tutti! Ma la Ricreazione è finita. Finita per il semi-confessionale e dis-unitario Stato italiano, per l'impudenza del Vaticano, per il cripto-secessionismo leghista, per il Fratello Silvio Berlusconi, per l'insipienza del Centro-Sinistra, per la Pseudo-Massoneria in stile Gustavo Raffi" , essa, piuttosto che costituirsi come una delle varie logge del G.O.I., più o meno prestigiose, ambisce ad essere un esperimento trasversale, aperto a Fratelli e Sorelle di tutte le Comunioni massoniche italiane (ed estere) che vogliano “assaporare” una Nuova Massoneria per il XXI° secolo, fondata su rinnovati Landmarks, adeguati alle sfide spirituali più attuali e stringenti del nostro secolo: quegli stessi Landmarks che Grande Oriente Democratico, il giorno che avrà abbattuto il regime di Gustavo Raffi & Company, proporrà all’approvazione di tutti i Massoni del G.O.I. di Palazzo Giustiniani.
E in nome di questi rigenerati Landmarks, la “Loggia G” inizierà alla Libera Muratoria anche profane e profani particolarmente qualificati sul piano spirituale ed etico.

E questo è quanto, per ora, in termini di precisazioni in margine al compendioso pezzo dell’ottima Cucciniello.
Sui canali televisivi massonici, naturalmente, informeremo meglio l’opinione pubblica a breve con migliore dovizia di particolari, nell’imminenza del definitivo start-up di questa ambiziosa operazione mediatica.

I FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO.

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@grandeoriente-democratico.com