Nuovo Appello di GOD ai Massoni turchi
Boaz Content Banner Jachin

 

Nuovo Appello di GOD ai Massoni turchi nelle Forze Armate e nelle Istituzioni civili, affinché non disonorino la costruzione statuale del Padre della Patria Fratello Kemal Ataturk

 

 

 

 

Facciamo seguito a quanto scritto in

Grande Oriente Democratico esorta i Fratelli Massoni Turchi democratici e liberali, specie delle Forze Armate, affinché intervengano in difesa dei manifestanti di Piazza Taksim e di altre piazze che protestano contro la prepotenza illiberale, affarista e semi-integralista di Erdogan. Si preservi la laicità dello Stato e si onori la memoria del Padre della Patria, il Fratello Massone Kemal Ataturk (clicca per leggere),

e torniamo ad esortare i Fratelli Massoni turchi che abbiano un ruolo rilevante nelle Forze Armate e nelle Istituzioni civili, affinché pongano immediatamente termine alla vergogna internazionale di cui la Turchia si sta ricoprendo, a causa delle politiche scellerate, ignobili e criminali del suo (indegno) premier Recep Tayyip Erdoğan.
Se il criminale Erdoğan fa un uso indegno, terrorista, violento e disumano della repressione, attraverso forze di polizia e di gendarmeria sotto il controllo del Ministero dell’Interno, sarà bene che l’esercito vero e proprio – in larghissima parte di ascendenza massonica, laica e kemalista – intervenga con risolutezza per porre fine alla pseudo-dittatura instaurata dai membri più scellerati dell’AKP, un partito che da troppi anni malgoverna la nazione fondata a suo tempo da Kemal Ataturk e da altri lungimiranti Liberi Muratori, nel mezzo del disfacimento dell’impero ottomano tradizionalista e ierocratico.
La situazione attuale in Turchia è certamente complessa, come egregiamente riassunto in

“Turchia, il Gezi park di Istanbul è soltanto un pretesto”, articolo del 3 giugno 2013 by Lorenzo Posocco per LIMES (clicca per leggere)

“Turchia, il governo minaccia di usare i carri armati”, articolo del 17 giugno 2013 by Gabriele Bonafede per LINKSICILIA (clicca per leggere).

Ma, al di là della complessità, quello che sta accadendo ai confini dell’Europa, presso un popolo che in gran parte aspira ad una compiuta evoluzione in senso laico, liberale e democratico, rasenta l’orrore e la turpitudine più abietta, come si evince dalla lettura e dalla visione di

“Turchia: la polizia spara in testa e scappa”, articolo del 12 giugno 2013 by Gabriele Bonafede per LINKSICILIA (clicca per leggere)

“Orrore in Turchia: la polizia schiaccia i manifestanti con le ruspe”, articolo del 17 giugno 2013 by Gabriele Bonafede per LINKSICILIA (clicca per leggere)

“La polizia turca come le SS naziste. Video, foto”, articolo del 18 giugno 2013 by Gabriele Bonafede per LINKSICILIA (clicca per leggere)

“Turchia, giornalista BBC minacciata”, articolo del 24 giugno 2013 by Gabriele Bonafede per LINKSICILIA (clicca per leggere)

“PEZZI DI MERDOGAN! - NELLA ‘DEMOCRATICA’ TURCHIA 17 POLIZIOTTI MASSACRANO 3 RAGAZZI E POI LI RILASCIANO (VIDEO SHOCK)”,  pezzo/video riprodotto per DAGOSPIA del 24 giugno 2013 (clicca per leggere/visionare).

Ovviamente, il network massonico progressista sovra-nazionale di cui Grande Oriente Democratico è parte si sta attivando direttamente sul territorio turco (e presso determinate istituzioni euro-atlantiche) per mettere in moto un processo di adeguata reazione a tanta barbarie. Pertanto, il presente articolo ufficiale, redatto in italiano per chi è aduso a leggere in questo idioma, rinvia a ben altri interventi informali – scritti e orali, in altre “lingue” - che sono stati e saranno messi in opera per determinare una soluzione lungimirante ed equa della crisi turca.
Questo  “Nuovo Appello ai Massoni turchi”, quindi, va interpretato come epifenomeno mediatico e superficiale di un insieme di comunicazioni e azioni che si stanno svolgendo più in profondità, in ambiti diversi dal web.
Vedremo, poi, se la semina saprà dare frutti appropriati.

 

I FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO (www.grandeoriente-democratico.com)

[ Articolo del 24-26 giugno 2013 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@grandeoriente-democratico.com