Il giovane favoloso… ma dov’è Giacomo Leopardi? E altri cenni a proposito di Mario Martone (a cura di GOD)
Boaz Content Banner Jachin

 

Il giovane favoloso… ma dov’è Giacomo Leopardi? E altri cenni a proposito di Mario Martone (a cura di GOD)

 

 

 

 

Offriamo alla lettura un’eccellente recensione relativa al film Il giovane favoloso, regia di Mario Martone, uscito di recente nelle sale cinematografiche.
Un articolo-recensione sapiente, colto, raffinato e in contro-tendenza rispetto a certa faciloneria critica che ha con troppa disinvoltura elogiato senza discernimento la pellicola in questione.
Eccolo:

“Il giovane favoloso…ma dov’è Giacomo Leopardi?”, articolo-recensione del 23 ottobre 2014 by Sergio Magaldi per Lo Zibaldone di Sergio Magaldi (clicca per leggere).

Del resto, pur riconoscendo la pregevolezza di svariate opere martoniane, vogliamo sottolineare (e magari ci torneremo con apposito commento) quanto poco ci abbia convinto, nel recente passato, un film come Noi credevamo (del 2010).
Si trattava di un film tratto dal romanzo omonimo di Anna Banti (1895-1985), pubblicato nel 1978.
Un film con sceneggiatura dello stesso Mario Martone e di Giancarlo De Cataldo.
Un romanzo e una sceneggiatura poco convincenti nel raccontare il Risorgimento italiano, Giuseppe Mazzini, i mazziniani e i garibaldini.
Molto meglio sarebbe stato se, a proposito di Risorgimento, Martone avesse scelto di trasporre in opera cinematografica una narrazione bella, intensa, complessa e profonda come quella del romanzo I traditori, pubblicato per Einaudi nel 2010, a firma dello stesso Giancarlo De Cataldo.
Ecco, completiamo la nostra presentazione di

“Il giovane favoloso…ma dov’è Giacomo Leopardi?”, articolo-recensione del 23 ottobre 2014 by Sergio Magaldi per Lo Zibaldone di Sergio Magaldi (clicca per leggere),

con l’invito, per Mario Martone e Giancarlo De Cataldo, a collaborare per la sceneggiatura de I traditori, facendone un film.
Quello si avrebbe tutte le potenzialità per diventare un affresco convincente di alcune atmosfere ottocentesche e risorgimentali, trattando per di più di temi atemporali e archetipici come la simultanea presenza, in molti esseri umani, di luci e ombre, ferocia e magnanimità, autenticità e inautenticità, pragmatismo cinico e nobiltà d’animo…

 

LE SORELLE E I FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO (www.grandeoriente-democratico.com)

[ Articolo del 19 ottobre-1 novembre 2014 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@grandeoriente-democratico.com