Appello di Grande Oriente Democratico a tutti i Massoni italiani e ai loro networks per i BALLOTTAGGI delle Elezioni Amministrative 2011, in particolare riguardo a Milano e Napoli, in favore di GIULIANO PISAPIA e LUIGI DE MAGISTRIS
Boaz Content Banner Jachin

 

Appello di Grande Oriente Democratico a tutti i Massoni italiani e ai loro networks per i BALLOTTAGGI delle Elezioni Amministrative 2011, in particolare riguardo a Milano e Napoli, in favore di GIULIANO PISAPIA e LUIGI DE MAGISTRIS

 

 

 

  

Nello spirito meta-politico e super-partes e tuttavia impegnato a salvaguardia della LEGALITA’ e della tenuta LIBERALE e DEMOCRATICA delle Istituzioni italiane che caratterizza Grande Oriente Democratico (contro i neo-golpismi striscianti, lo strapotere mediatico, la cultura anti-unitaria e secessionistica, gli avventurismi populistici, le consorterie confessionali e illiberali,le patenti inefficienze e le possibili collusioni con poteri extra-legali e poco limpidi di certe formazioni politiche) facciamo un generale APPELLO a tutte le libere muratrici e a tutti i liberi muratori italiani (nonché ai loro familiari, amici, soci, colleghi, alle associazioni da essi presiedute o di cui sono membri: più in generale a tutti i loro estesi NETWORKS) affinché ai prossimi BALLOTTAGGI del 29 e 30 maggio 2011 impediscano la vittoria di quei candidati asserviti al progetto piduistico e pitreistico di Silvio Berlusconi & Camerati e/o al progetto secessionistico e anti-unitario della LEGA.
Rispetto ad entrambi questi progetti eversivi, i Padri Fondatori della Nazione italiana (Cavour, Mazzini, Garibaldi) così cari, per appartenenza fraterna e/o contiguità ideale e operativa ai Massoni della Penisola di ieri e di oggi, si rivolterebbero nella tomba!

Sorelle e Fratelli d’Italia, abbiate un sussulto di DIGNITA’!
Confermate il suffragio già generosamente offerto a candidati opposti a quelli berlusconian-leghisti nel corso del primo turno di votazione (del 15-16 maggio 2011) e rispedite nell’ombra questi incapaci cialtroni che da circa vent’anni mal-governano l’Italia e fanno scempio della sua credibilità economica e culturale oltre che della sua identità nazionale, così faticosamente conquistata con il sacrificio di non pochi LIBERI MURATORI.

Specie a Milano e a Napoli, non importa se siate stati fino ad un quarto d’ora fa raffiani o raffianeggianti: volgete i vostri occhi e la vostra mente al futuro.
Gustavo Raffi è finito.
Così come Silvio Berlusconi si appresta a finire.
Entrambi lotteranno come animali feriti sino a che potranno, nella difesa del proprio maligno potere, ma il FUTURO non gli appartiene più.
La loro sarà una battaglia (più o meno cruenta) di retroguardia, del tutto simile a quella che in Nord-Africa e in Medio Oriente hanno ingaggiato e continuano ad ingaggiare (con convinzione e forza di giorno in giorno decrescente) i vari RAIS appartenenti ad un mondo ormai in decadenza.
Nuovi equilibri si annunciano in quegli scenari mediterranei, così come nuovi equilibri si annunciano in Italia, che del Mediterraneo potrebbe essere la Portavoce dinanzi alle altre democrazie occidentali.

A Milano, venga respinta l’offensiva eversiva di chi vorrebbe trasformare questa civilissima capitale del NORD in un serraglio di lenoni e cortigiani intolleranti, bercianti, avidi e famelici di poltrone, tangenti, nepotismi e favoritismi almeno quanto inefficienti e incuranti della buona amministrazione cittadina.

Non sarà facile vincere, non sarà scontato ripetere e superare l’exploit del primo turno, specie dopo l’ennesima prepotente, illegale, abusiva (e sanzionata dall’AGCOM come tale) invadenza mediatica del Grande Fratello di Arcore.
Ma bisogna provarci!
E bisogna far vincere un Galantuomo Riformista come GIULIANO PISAPIA.
Con lo stesso spirito con il quale, volgendo gli occhi al passato, decenni fa, Milano venne liberata dalla forze conservatrici e reazionarie dal C.L.N. (Comitato di Liberazione Nazionale), così oggi bisogna liberarla da questo nuovo dispotismo volgare, pecoreccio e chiassoso che da anni ne frena lo sviluppo e la dignità.
E volgendo gli occhi al FUTURO, si leggano e rileggano le belle riflessioni contenute in:

 Appello Riformista per Milano by Mattia Granata

e in

Appello Riformista per Milano Parte II by Mattia Granata

Quanto a NAPOLI, dopo anni di mal-governo tanto del vecchio centro-sinistra locale, quanto del centro-destra in odore di camorra (inguardabile e guidato da quel Nicola Cosentino indagato tanto per la vicenda P3 che per questioni, appunto, CAMORRISTICHE), quale dubbio vi può essere nello scegliere LUIGI DE MAGISTRIS?

A NAPOLI, prevalere contro forze oscure sarà altrettanto se non più difficile che a Milano, ed è per questo che occorre uno sforzo enorme da parte della MIGLIORE SOCIETA’ CIVILE, impermeabile ad infiltrazioni e collusioni camorristiche e sollecita del bene cittadino.
LUIGI DE MAGISTRIS può piacere più o meno, può aver lasciato qualche dubbio per alcune sue passate inchieste (che però sarebbe stato bene APPROFONDIRE, invece di TOGLIERGLIELE DI MANO anzitempo) ma si tratta di persona onesta e intraprendente, fuori dai soliti giochi locali.
LUIGI DE MAGISTRIS può essere la risposta GIUSTA per NAPOLI cosi come GIULIANO PISAPIA può esserlo per MILANO.
Se a Napoli prevarranno altre logiche, quelle di sempre, da troppi anni, poi i NAPOLETANI non vengano più a lamentarsi di affogare nella criminalità, nell’inefficienza, nel malaffare e nella “MONNEZZA”.

Se a Milano prevalesse la Moratti, poi non ci si lamenti più delle logiche rapaci, costose (per la pubblica amministrazione) e illiberali (in danno della “concorrenza”) di Compagnia delle Opere e Comunione e Liberazione.
Non ci si lamenti più del fatto che Milano non ha lo splendore, lo sviluppo e il prestigio che meriterebbe.
Meditate, Sorelle e Fratelli, Cittadine e Cittadini, MEDITATE.

 

I FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO

P.S. Ai soliti tromboni che avessero da ridire sull’impegno meta-politico in favore della POLIS da parte di Grande Oriente Democratico, consigliamo la lettura di A che serve GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO? : così si metteranno l’anima in pace, una volta per tutte. E non potranno più sostenere che la nostra posizione sia incoerente con i veri landmarks massonici. Andatelo a dire allo spirito del Gran Maestro Giuseppe Garibaldi che aleggia su TUTTI NOI, vedrete che vi prenderà a sciabolate…per vostra fortuna solo spirituali.

Del resto, giorni fa, nell’imminenza del primo turno di queste Amministrative 2011, avevamo già pubblicato Appello di Grande Oriente Democratico a tutti i Massoni italiani e ai loro networks per le Elezioni Amministrative 2011 e, subito dopo, a primo turno conclusosi felicemente, pubblicammo insieme ai cugini di DRP, sul loro sito ufficiale:

La Massoneria Democratica e la Migliore Società Civile fanno la differenza, a Milano come altrove: clamoroso successo degli Appelli di Grande Oriente Democratico e Democrazia Radical Popolare per le Elezioni Amministrative 2011

Tanto per spiegare che siamo coerenti e conseguenti con le nostre premesse.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@grandeoriente-democratico.com